Casa
  • Agenzie Immobiliari
  • Arredamenti
  • Casa e abitazioni
  • Oggetti d' Arte
  • Traslochi
  • Imposte e Tributi
Milano by day
  • Numeri utili
  • PRENOTA UN HOTEL
  • MILANO by NIGHT
  • B&B Milano
  • Trasporti
  • Taxi
  • Parcheggi Atm
Milano Servizi
  • Anagrafe e Documenti
  • Associazioni
  • Biblioteche
  • Bandi e Concorsi
  • Camera di commercio
  • Consigli di Zona
  • Consolati
  • ECOPASS
  • Dove fare sport
  • Fiere e manifestazioni
  • Istruzione
  • Imposte e Tributi
  • Luoghi di culto
  • Musei
  • Oggetti smarriti
  • Palinsesto TEATRI
  • Pratiche auto
  • Poste
  • Pubblica sicurezza
  • Sanita'
  • Servizi sociali
  • Servizi Online
  • Servizi Sicurezza
  • Servizi funebri
  • Tempo Libero Corsi
  • WiFi Free Milano
Milano Ieri e Oggi
  • Il Patrono
  • Storia di Milano
  • Il dialetto milanese
  • La cucina milanese
  • Personaggi milanesi
  • Milano ieri
  • Milano Oggi
  • I Navigli
  • Icone milanesi
  • Curiosita' e cultura
  • Regione e Provincia
Cap. 23 50-60 anni del boom in Italia
   
 

Dopo aver sgomberato le macerie, i rifiuti sono cosi' imponenti che a S.Siro ove e' stata scaricata la massa di detriti sorge monte stella, su 80.000 alberi censiti nel 42 ne restano 30.000, su 23.000 lampade d'illuminazione pubblica ne restano 4000, la guerra ha polverizzato 1400 stabili, 5 asili, 8 scuole, ci sono da ristrutturare palazzo marino, la scala, brera, la galleria, il cenacolo, l'ospedale maggiore, impianti sportivi e caserme, centrali dell'acqua potabile e depositi tranviari
.Il 7 Aprile le prime elezioni amministrative del dopoguerra confermano come sindaco Aldo Greppi, in Giugno si tornera'al voto per il referendum istituzionale ed i milanesi sono al 67% a favore della repubblica.
L'11 Maggio 1946 la Scala riapre, ricostruita completamente, dirige l'orchestra il maestro Toscanini ed il 1° Settembre arriva il 1°presidente E. de Nicola che inaugurera' la fiera campionaria.
Nel 1947 da ricordare un'avvenimento importante per la cultura, apre il piccolo teatro sotto la direzione di Guido Grassi,in Giugno apre la Triennale con il nome di QT8. Nel 1948 l'industria entra in crisi, chiudono la Caproni, la Bacchini, Isotta Fraschini e Breda ridurranno l'organico. Il 1949 e' piu' tranquillo, vi sono tumulti solo nel mese di Maggio per il patto atlantico, in questo periodo nasce la nuova circonvallazione, si ricostruisce il teatro Manzoni e nuovi edifici cambiano il volto di p.za missori e S.Babila, nel Gennaio 1950 e' pronta anche la Rinascente.
Nel 1954 va in onda la prima trasmissione ufficiale televisiva, la televisione ha 88.000 abbonati, il 1°esperimento televisivo fu fatto a Milano nel 1939 nel corso della mostra Leonardesca. Sembra che lo spettro della disoccupazione sia dissolto,lavorano ristoranti, teatri ed industrie, Milano in questo periodo e' a soqquadro, ci sono cantieri da v.le Monza a p.le Lotto, la metropolitana avanza crescono nuovi alberghi perche' la Fiera porta compratori e visitatori da tutto il mondo, in Giugno viene inaugurato il grattacielo Galfa, torre di vetro nel centro direzionale e chi entra a Milano osserva "un' accenno" di Manhattan. La Martesana e' coperta dall'asfalto, Milano si riempie di auto con la 600 regina incontrastata. Da ricordare 2 date, il 1957, anno in cui fa il suo ultimo viaggio il gambadelegn il trenino per Magenta, che esce per l'ultima volta dal cancello in c.so Vercelli ed il 1958 anno in cui vengono chiuse le case di tolleranza. A soli 15 anni dal termine della guerra comincia il miracolo italiano, decolla l'economia che a Milano coincidera'con la nomina di P.Bucalossi a sindaco, si esportano ceramiche, pneumatici, tessile, mobili, in ogni casa c'e' un frigorifero ed 1 televisore, in ogni strada un ristorante.Il 1964 e' un anno storico,non solo perche' nasce chi scrive,ma perche' viene inaugurata la linea 1 del metro', nel 1965 il mercato ortofrutticolo si trasferisce da pta Vittoria a via Lombroso e viene ribattezzato Ortomercato,nascono nuove arterie come cso Europa,S.Ambrogio, ma si aggrava la prima recessione nell'autunno del 1965, meta'degli edili (150.000) nel 1963 sono senza lavoro, il punto di massima tensione viene raggiunto nell' Ottobre del 1969 quando scioperi e cortei paralizzano la citta'.

 
 

Privacy

© AgendaMilano.com 2001-2003 ·info@agendamilano.com